Spogliata e Lapidata: Delitto D'Onore

Note: Repost from the old blog. This is the Italian translation of my post Kurdish Teenager Stoned to Death Near Iraq, which deals with the tragic and outrageous stoning to death of Dua Khalil Aswad, a Yezidi girl who was killed by her fellow Yezidis for eloping with a Muslim man, as intermarriage is forbidden in their religion. The title, translated to English, is Stripped and Stoned: An Honor Killing.
Viewer discretion is advised – watch at your own risk.
[wpvideo 66rZZg5H]
Chiunque volesse avere maggiori informazioni sugli Yazidi, può leggere (in inglese, per il momento) i miei articoli: Do Yezidis Worship the Devil? e Yezidis, a Mysterious Kurdish Religious Sect. Quest’ultimo è molto antecedente al fatto che vado a descrivere.
Come purtroppo avete già capito, il filmato è impressionante, non fatelo vedere ai minori o alle persone sensibili, per favore.
In effetti, la lapidazione della ragazza Curdo-Yazida accusata dai propri familiari di essersi innamorata di un Mussulmano (ed addirittura di aver abbracciato l’Islam), ha destato molta impressione, sconcerto, rabbia e tristezza.
L’epilogo della vicenda si è svolto nell’aprile del 2007, nel villaggio Ba’shiqa, vicino a Mosul (e non in Mosul come erroneamente riportato da certa stampa). Nel 2006, Doa Khalil Aswad, una studentessa di 17 anni natìa di Ba’shiqa, si era innamorata di un vicino di casa, un Curdo-Mussulmano, di professione negoziante. Dopo essere scappata da casa, Doa si è sposata e convertita all’Islam.
Purtroppo Doa ha commesso dei ‘peccato’ estremamente gravi: non solo ha disonorato la propria famiglia non obbedendo ai loro voleri, ma si è anche convertita all’ Islam. Queste religioni continuano a considerare la donna un ‘essere’ sottomesso che non può decidere della propria vita.
Povera Doa, una storia d’amore finita tragicamente!
Nota:
La religione Yazidi è una delle più vecchie del pianeta, sembra che le origini siano risalenti a più di 10.000 anni fà. Nel loro culto ci sono elementi propri di Gnosticismo (v. Manicheismo), Giudaismo, Islam, Mazdeismo (v. Zoroastro), Cristianesimo, Buddismo, Induismo, Mitraismo.
Leggete il mio vecchio articolo The Yezidis, a Mysterious Kurdish Religious Sect, ci sono informazioni molte interessanti.
Ritorniamo a Doa. Dopo aver trascorso alcuni mesi in casa di un religioso Mussulmano, ben protetta dalla rabbia dei propri familiari e concittadini, la povera ragazza ha commesso lo sbaglio di credere al perdono offertogli dalla famiglia.
Sì, la famiglia gli ha offerto il perdono come trappola per topi, per farla uscire dal suo nascondiglio. Che Bastardi!
Il video ci mostra la Via Crucis di una povera ragazza di 17 anni!
Ad attenderla sulla via del ritorno a casa c’era una folla di un migliaio di uomini imbestialiti, ululanti, schiumanti di rabbia. Viene lasciata in balìa dei suoi parenti (una dozzina di uomini). Accerchiata, percossa e gettata a terra come una bambola di pezza, Doa viene così UMILIATA e SPOGLIATA!!!
Vediamo poi solo alcuni momenti dell’intera lapidazione: la ‘Cerimonia è durata almeno 30 minuti!
L’atroce tortura finisce con il colpo di grazia alla testa di Doa. Un bastardo gliela spacca con un blocco di cemento…però alla fine le coprono le gambe con una giacca! Bisogna sempre salvare ‘il comune senso del pudore’, eh?
Quanti di loro si saranno eccitato a vedere le gambe nude e gli slip neri della ragazza? Tanti, sicuramente.
Come posso definire esseri umani coloro che si ‘stracciano le vesti’ se una donna osa mostrare le gambe o un lembo di carne in pubblico e non esitano a denudare e uccidere selvaggiamente una ragazzina (hai peccato di ‘sesso’ e sei diventata Mussulmana: ora ti lapidiamo nuda…)??
Mi ha colpito un fatto: il contrasto tra un atto così incredibilmente barbaro e arcaico e la feroce, morbosa presenza di molte persone che cercavano in tutti i modi di registrare ‘l’evento’ con i propri videofonini.
Ma non sta succedendo così anche nella nostra cosidetta società ‘civile’? La progressiva scomparsa del sentimento umano di pietà, di soccorso; prevale l’insensibilità, l’egoismo.
In definitiva è questa la malattia del mondo moderno: non solo non lottiamo (o lo facciamo blandamente) contro i soprusi, ma siamo anche dei ‘guardoni’, meri osservatori che registrano e godono delle disgrazie altrui (ehi, lo metto anch’io su Youtube questo filmatino, andate avanti ragazzi…un sorriso alla camera…ok…spostatevi, idioti che non riesco a riprendere bene, ah, ok, così va meglio).
Se volete vedere alcune istantanee del video cliccate qui e qui. Per gli ‘amanti’ delle foto inedite, ce ne sono altre cinque qui
Dopo l’assassinio, il corpo straziato di Doa è stato bruciato e seppellito assieme alle ossa di un cane, come segno di massimo disprezzo.
Non è la prima volta che i Yazidi giustiziano una delle loro donne per fatti del genere. Ad una di loro, convertitasi all’Islam, la sorte è stata ‘migliore’: una pallottola al cuore dal Capofamiglia.
La vicenda di Doa ha sollevato alcuni punti interrogativi.
Perchè la polizia Curda non è intervenuta al momento della lapidazone? Erano complici? Cosa ha significato il successivo intervento di reparti dell’esercito Curdo, che ha transennato e proibito l’ingresso alla ‘scena del crimine’?
Sebbene influenti personalità religiose della comunità Yazidi abbiano condannato la barbara uccisione di Doa, i Mussulmani hanno reagito violentemente, attaccando sia persone che istituzioni Yazidi. Una donna Mussulmana è stata uccisa!!! Già, Mussulmana…peccato che quando devono giudicare un ex-Mussulmano, la sentenza è una sola: morte!!
I Mussulmani curdi si sono dimostrati incredibilmente ipocriti in questo caso, ma d’altra parte è tutta l’essenza della religione Mussulmana che è impregnata di ipocrisia. Quattro mesi fa c’è stato il caso di una donna Mussulmana ed uno Yazidi. La ‘scappatella’ è finita tragicamente sia per la donna (decapitata) che per la Comunità Yazidi del villaggio (tutte le case sono state bruciate).
Allora, se una donna non Mussulmana si sposa con un Mussulmano e si converte all’Islam, và tutto bene.
Ma se una donna Mussulmana si sposa con un non Mussulmano allora si deve ucciderla e bruciare tutte le case dei non Mussulmani? Ma che cazzo?
E la chiamate religione? E’ questo l’Islam del Kurdistan?
I Curdi Mussulmani sono orgogliosi del comportamento dei Mussulmani del Kurdistan?
Un altro clamoroso esempio: tempo fà, un gruppo di terroristi Iracheni di Al Qaeda ha bloccato un autobus di lavoratori a Mosul. Dopo aver selezionato gli Yazidi, l’autobus si è diretto in una zona est di Mosul. 23 persone sono state giustiziate al grido: “Dio maledica il vostro diavolo!” In effetti molti Mussulmani pensano che gli Yazidi siano adoratori del Demonio.
Lo Stato Islamico Iracheno, ovvero Al Qaeda in Iraq, ha rivendicato questa azione ed allo stesso tempo ha ‘graziosamente’ minacciato tutti ‘gli Adoratori di Satana’ (gli Yazidi).
Ma che bella gente!
Sia i Mussulmani Curdi che i Sunniti Takfiris locali hanno inviato minacciosi messaggi di morte agli Yazidi del Kurdistan.
Lo scorso 26 aprile, un fornaio e tre lavoranti Yazidi sono stati uccisi a Mosul. Due giorni dopo anche due poliziotti Yazidi sono stati assassinati. L’Armata dei Mujahedin di Mosul (di etnia Takfiri) ha lanciato un chiaro messaggio a tutti gli Yazidi: o vi convertite all’Islam o dovete lasciare immediatamente la città.
A queste minaccie, Il panico si è diffuso tra gli Yazidi. Sia studenti universitari (più di 800 giovani) che comuni lavoratori hanno fatto i bagagli e sono scappati nei villaggi di origine. La paura ha preso il sopravvento.
In altre città della Regione Autonoma del Kurdistan, come Erbil, Dohuk e Sulaimaniyah, ci sono stati diversi attacchi Mussulmani a vari siti frequentati dagli Yazidi (dormitori, negozi, fabbriche, etc.). A Bashiqa, gli Yezidi hanno intimato ai Mussulmani di abbandonare la città.
Covertiti o muori è un’antica tradizione Mussulmana ritornata di attualità. Tranne alcuni casi (ex-Jugoslavia, Filippine, Libano) le altre religioni hanno abbandonato da tempo questa forma di pulizia etnica…
Nel quartiere Dora, a Baghdad, un solito gruppo Jihadista ha intimato ai Cristiani di pagare la tassa di ‘protezione’ e diventare dhimmis, ovvero: convertiti all’ Islam o muori!
La fuga di molti Cristiani è stata l’ovvia conseguenza a queste serie minaccie.
Un altro effetto del casino provocato dall’uccisione di Doa: non si contano più i ‘delitti d’onore’ in Kurdistan. Il delitto d’onore e il sacrificio volontario di donne non sono una novità. Una tragedia al giorno era un evento abituale in Kurdistan.
Ma ora sembra che tutti gli uomini si arroghino il diritto di uccidere le donne come e quando vogliono. Bravi…
Certo è che molti omicidi vengono archiviati come ‘suicidi’ e che molte donne sono costrette ad uccidersi per salvare l’onore della famiglia.
Gli Yazidi venerano Malak Taus, un arcangelo dalle fattezze di un di pavone. E’ un angelo caduto che si è pentito ed ha ricostruito il mondo.
Per i Mussulmani quell’angelo non si è affatto pentito, anzi, è il Diavolo in persona. Gli Yazidi sono dunque adoratori del Demonio. Differenze di interpretazione religiose? Mah, a me sembra la solita lotta tra etnie tribali, dove il proprio Dio è quello giusto e il Dio del nemico è il Diavolo.
La cosmologia religiosa Yazidi è criptica, complessa, ma non mi sembra che adorino una Divinità maligna. Il loro libro sacro è segreto e solo una piccola èlite religiosa può custodire e tramandare i suoi segreti. Tentare di accedere alla visione di una copia di quel testo significare rischiare la morte.
Eppure, poco tempo fà, qualcuno è riuscito ad impadronirsi di una copia del Libro sacro degli Yazidi ed a diffonderne in rete una traduzione ed anche una puntale analisi religiosa. Ho letto tutto quello che era possibile leggere ma continuo a non capirci granchè. E’ inutile sperare di avere qualche forma di collaborazione da qualche Yazidi, non hanno alcuna voglia di svelare i loro segreti al mondo.
Non sono i soli. Pensiamo alla setta degli Alawi in Siria; possiamo paragonarli alla Chiesa Cattolica del Medioevo, dove tutti i riti religiosi si svolgevano in latino, lingua praticamente incomprensibile al popolino.
Si veniva così a creare quell’aurea di misticismo e superiorità della quale la Chiesa Cattolica ha goduto per secoli al fine di imporre il proprio dominio temporale.
La religione e la cultura Yazidi ha molti punti in comune con il Mazdaismo (o Zoroastrismo). La suddivisione della società in caste (7 livelli) è simile, i matrimoni con appartenenti ad altre religioni sono vietati e puniti severamente. Non è possibile contrarre matrimoni tra membri di caste diverse.
Un’ottima analisi delle ragioni della lapidazione della povera Doa è stata fatta dal Dr. Showan Khurshid, ricercatore di scienze politiche presso l’Università di Cardiff, in Galles.
Khurshid è un intellettuale moderno, ha analizzato crudemente e senza peli sulla lingua le barbare usanze e le retrograde tradizioni dei Curdi, Yazidi e Mussulmani.
Khurshid, natìo di Kirkuk e quindi Curdo, sostiene delle affascinanti tesi Turkmeni, gli Yazidi e Assiri fossero divisi nell’antichità in comunità etniche nella regione Curda.
L’attacco all’Islam di Khurshid è veramente efficace e scevro dai soliti luoghi comuni. Nessuna teoria conservatrice, sionista, imperialista, teodem o neodem comune ai soliti nemici dell’Islam, quindi. Il Kurdistan avrebbe veramente bisogno di altri intellettuali come Khurshid…
Nei disordini seguìti alla lapidazione, altri due Yazidi sono stati uccisi e diversi edifici sono stati bruciati. A condanna di tali fatti, alcuni religiosi Mussulmani hanno emesso delle Fatwa contro i responsabili. La reazione degli Yezidi è stata parimenti dura, hanno attaccato la sede del KDP distruggendo a sassate tutti i mobili ed hanno poi bruciato le automobili dei funzionari Mussulmani.
Senza contare i 24 Yazidi uccisi a Mosul, altri 192 Yazidi hanno perso la vita a seguito dell’Invasione. La maggior parte di loro si era rifiutata di obbedire all’ultimatum ‘convertiti o muori’ intimatogli dai Mussulmani.
Visto che gli Yazidi non hanno alcuna voglia di convertirsi, devono forse essere sterminati? C’è qualche altra religione in questa terra che prevede lo sterminio dei non-convertiti? La possiamo chiamare religione? I Mussulmani hanno da sempre considerato gli infedeli degni solo di morire, non sono mai cambiati. Ci potrà mai essere un’evoluzione pacifica della loro religione?
I delitti d’onore sono molto diffusi in Iraq. Nell’area Sunnita a maggioranza Mussulmana ogni giorno viene uccisa una donna. Nemmeno a seguito di un’ipotetica presa di potere dei Mussulmani in Iraq si avrebbe potuto pensare ad un tale deterioramento della situazione. Neanche nel Kurdistan del Nord, regione in apparenza laica e secolarizzata, i delitti d’onore si sono ridotti, anzi…
L’oltraggio dell’infibulazione è praticato al 60% delle donne Curde. E’ un’epidemia che non colpisce la maggior parte dei paesi Arabi. In Stati come Egitto (70%) e Yemen (20%), l’alto numero di mutilazioni è causato dalla notevole influenza di usi e costumi Africani.
Al di fuori della sfera di influenza Africana, l’infibulazione non viene praticamente praticata. Gli Arabi possono essere colpevoli di altri delitti, ma attribuire la paternità di questa barbara usanza sulla donna è un atto propagandistico ed un puro falso ideologico.
Ci sono dei casi di infibulazione all’interno di Tribù di Beduini presenti in Palestina, Israele (ad Oriente si hanno usanze meno tribali) ed Arabia Saudita. Nonostante la dura repressione di Gheddaf, nel Sud della Libia ci sono altri Beduini che praticano questa mutilazione femminile…
(Ndt. e qui una nota per quella merda di Gheddafi, vero terrorista ed assassino spietato, divenuto dopo l’11 Settembre un campione della libertà e delle lotta ai terroristi Mussulmani! Grazie, George W. e S.B., affanculo anche a voi! Doveva essere giustiziato Gheddafi e non Saddam!)
L’infibulazione viene praticata anche nell’Africa Sub-Sahariana, dove viene associata all’Islam, e nell’intero Corno d’Africa.
Non possiamo unirci ad una parziale propaganda anti-Mussulmana, la pratica dell’infibulazione è sopratutto un’usanza tribale Africana e non può essere associata solo all’Africa Mussulmana. Per questo mi sembra incredibile, oltraggioso ed anche strano quello che stà succedendo in Kurdistan.
Ritorniamo ai delitti d’onore. Anche se il ‘fattaccio’ è stato compiuto da barbari Yazidi, il delitto d’onore è diventato sinonimo di pratica Islamica. E’ comune in Marocco, ma nel resto del Nord Africa ci sono stati pochi casi in Libia, Tunisia (nessun delitto d’onore da 16 anni a questa parte) e Algeria. Non si hanno notizie di tali delitti ne’ in tutta l’Africa Occidentale, ne’ in Bangladesh ed Indonesia (per particolari ragioni).
Sono molto comuni in Israele, Palestina, Siria, Giordania, Libano, Yemen ed Iran. Aggiungiamo alla ‘lista nera’ anche l’Afghanistan, la Somalia ed il Pakistan (si parla addiritura di epidemia di uccisioni di donne in Pakistan…)
Sebbene il Governo del Kurdistan abbia già introdotto alcune leggi contro i delitti d’onore, la realtà è che gli organi di polizia se ne fregano ed i tribunali non condannano gli assassini.
I Mussulmai dicono che il delitto d’onore non ha nulla a che fare con l’Islam. Bah, ipocrisia. Perchè continua ad essere un ‘biglietto da visita’ riservato soprattutto agli uomini dei paesi Mussulmani? Perchè tanti esimi Islamisti continuano a difendere il principio del delitto d’onore?
Io penso che il delito d’onore sia l’apice dell’abbruttimento del maschio, l’atto più disgustoso che si possa fare contro una donna. Se la pensate come me, visitate il sito: Stop Honour Killings .
E’ comunque deprecabile che la notizia sia stata usata in chiave Anti-Mussulmana (vero seguaci della defunta profetessa dell’odio, Oriana Fallaci?). Gli assassini della povera Dea sono stati proprio i suoi familiari e la folla loro complice, gli Yazidi!!

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

2 thoughts on “Spogliata e Lapidata: Delitto D'Onore”

  1. Sono cose orribili, anche se un po’ le mutandine avranno eccitato qualsiasi religioso cristiano omusulmano che sia. Perche’ la religione è roba da malati di mente sempre e comunque. Perche’ anche i nostri bisbisbissticazzi mutilavano nasi torturavano versavano piombo fuso in gola impalavano eccetera, solo qualche centinaio di anni fa. Se non accade piu’ nel nostro mondo, è solo perche’ abbiamo mediaset e l’iphone.Perche’ se disgraziatamente ci mancassero questi bei divertimenti, probabilmente cominceremmo con le lapidazioni, vista la nostra natura buona e pacifica XD

  2. aver avuto un lanciafiamme li avrei BRUCIATI TUTTTTTTIIIII!!!
    DIO LI MALEDICA IN ETERNO…LORO E TUTTI QUELLI CHE ARRIVANO QUI DA NOI CHE SONO UGUALI!!!!!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *